Yusra, farfalla siriana a Tokio

Yusra Mardini è nata in Siria, a Damasco, nel 1998. Come la sorella, nuota da quando era piccina, ha cominciato a 3 anni. Anche il loro padre era un nuotatore. Ma quando comincia la guerra in Siria, diventa sempre più difficile vivere nel loro bellissimo Paese. Anche la loro piscina viene distrutta da una bomba. E la loro casa. 

Però ciò che convince definitivamente Yusra e la sorella Sarah a lasciare il loro Paese è un avvenimento che avrebbe potuto avere consguenze terribili: mentre le due ragazze sono in piscina, una bomba ne buca il tetto e sprofonda in acqua. A causa di un difetto di costruzione non esplode ma, mentre escono dall'acqua velocemente, Yusra e Sarah si rendono conto che il pericolo è reale e dunque, nell'estate del 2015, le sorelle Mardini, insieme a un cugino di loro padre e ad altri profughi, intraprendono un viaggio per scappare dalla Siria.

Il viaggio le porta in Libano, poi in Turchia e da qui tentano la traversata per la Grecia. Ma durante il viaggio comincia un temporale e il piccolo gommone, sovraffollato a causa della presenza di 20 passeggeri quando avrebbe potuto portarne non più di 9, inizia a imbarcare acqua. I profughi sono costretti a gettare in mare i loro bagagli. Yusra e Sarah, insieme a due uomini (che a turno si danno il cambio) si tuffano in acqua. In balìa del mare, le sorelle Mardini nuotano per mantenere in equilibrio la barca. Il loro sforzo, durato oltre tre ore e trenta minuti, permette al gruppo di profughi di salvarsi da un naufragio e raggiungere le coste greche. 

Yusra e Sarah attraversano i Balcani, a piedi e in treno, passando per Macedonia, Serbia, Ungheria e Austria. Nel mese di settembre, trovano accoglienza in Germania, a Berlino. Qui riprendono a praticare il nuoto e, grazie a un allenatore di nome Sven,  si trasferiscono in un edificio vicino alla piscina. A Berlino la famiglia si riunisce, con l'arrivo dei genitori e della sorella monore Shahed, che hanno compiuto un viaggio come quello delle sorelle maggiori.

Nel 2016, grazie a duri e costanti allenamenti, Yusra Mardini ha partecipato alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nella nuovissima Squadra dei Rifugiati. Pur non essendosi classificata tra i primi, è diventata famosa per il suo viaggio. E quest'anno partecipa alle Olimpiadi di Tokyo, sempre nella squadra del Rifugiati, poiché la Guerra Civile Siriana è tuttora in corso.

Yusra è specializzata nello stile libero e nello stile farfalla. 

randomness