Top Secret al Buck Festival

Maria Giuliana Saletta, autrice di Echino, è stata invitata alla ottava edizione del Buck Festival di Foggia per condurre dei laboratori sul suo libro Top Secret e su Echino. Il tema del Buck Festival 2018 era il digitale quindi le app, i libri digitali e tutte le connessioni tra libri e digitale inclusi trailer animati, realtà aumentata, qr code. Purtroppo Giuliana ha avuto problemi di salute ed è stata sostituita dall'edtrice Donatella Caione. Ciò però ha permesso di rendere il tutto ancora più digitale perchè Giuliana è intervenuta tramite un collegamento Skype!

Nei laboratori su Top Secret Giuliana ha presentato se stessa e il libro ai ragazzi e alle ragazze di scuola media presenti e ha risposto ad alcune loro domande. Poi chiuso il collegamento, Donatella ha parlato di alcuni stereotipi che riguardano appunto l'uso di Internet, il primo dei quali è che solo ragazze e ragazzi passino il tempo a smanettare con il telefonino! E ha spiegato come la rete possa essere utile se ben usata e che, invece di criminalizzarla, bisogna insegnare ad utilizzarla bene, in modo utile e creativo... considerando anche che il mondo del digitale apre ai/alle giovani enormi possibilità di lavoro.

Un esempio di uso creativo della tecnologia e di Internet, collegato, ai libri, sono i booktrailer. Ne sono stati mostrati alcuni, realizzati con tecniche differenti. Poi ragazze e ragazzi hanno tirato fuori i cellulari e hanno potuto sperimentare come attraverso i qr code si possa passare dal libro alla rete per vedere video e visitare siti collegati al contenuto del libro. In particolare attraverso i qr code inseriti sulle pagine di Top Secret hanno potuto vedere i video musicali delle canzoni che aprono i capitoli del libro.

Poi, dai pregiudizi sulla rete si è passati a parlare dei pregiudizi che riguardano le persone, in quanto uomini o donne; o riferiti alla loro nazionalità, o alla loro professione. E si è visto come questi pregiudizi sono costruiti attraverso gli stereotipi, diffusi dalle pubblicità, dai giocattoli, dall'abbigliamento, dai libri di testo. Stereotipi che non risparmiano neanche gli animali! E che finiscono poi per condizionarci nelle scelte importanti: sport, hobby, studio e poi nel lavoro.

Ragazzi e ragazze hanno poi rappresentato tutti gli stereotipi su cui hanno riflettutto in alcuni cartelloni!