Solo chi resta nel ricordo delle persone non muore invano!

Chi era Agitu? La vogliamo raccontare con le parole di presentazione che ci sono sul sito della sua azienda agricola bio "La Capra Felice"

Agitu Ideo Gudeta era una donna etiope, trapiantata in Trentino da diversi anni per portare avanti la sua passione e la sua sfida: vivere in armonia con la natura e recuperare dall’estinzione la bellissima capra Mochena.

Con gioia e tanta determinatezza Agitu aveva recuperato un terreno di 11 ettari in abbandono e lo aveva valorizzato come pascolo incontaminato per il suo gregge di capre.
Grazie alla passione ed alle conoscenze apprese dalla nonna materna, Agitu allevava le capre e trasformava il formaggio con metodi tradizionali, oggi sempre più necessari per un allevamento sostenibile e di qualità.

Le sfide in agricoltura per una donna imprenditrice sono sempre molte ma Agitu non si lasciava intimidire nemmeno dal rischio che il suo gregge potesse essere attaccato dagli orsi. Per proteggere le sue capre aveva deciso di prendere qualche contromisura “originale”. Diceva:
“Quando vedo impronte o segnali della sua presenza, mi chiudo in auto con dei petardi. Basta fare un po’ di rumore e il mio ‘vicino’ sa che è meglio andare da qualche altra parte”.

Purtroppo l'uomo è talvolta molto più feroce di qualsiasi animale perché uccide senza ragione ed è proprio per mano di un uomo, dipendente dell'azienda agricola, che Agitu è morta, lasciando orfane le sue capre e colmando di tristezza i cuori di tante persone che amavano il suo sogno, che tifavano per lei, donna coraggiosa e forte.

L'impegno di Agitu era anche quello di difendere il territorio e proporre un modello di azienda agricola biologica sostenibile, che potesse funzionare da stimolo e incoraggiamento per quanti desiderano realizzare nuove modalità di vita, lavoro e convivenza.

Per tutte queste ragioni vogliamo omaggiare Agitu e ricordarla, proponendo a genitori e docenti di raccontare la sua storia e di farla disegnare a bambini e ragazzi. Noi, della Redazione di Echino, saremo felici di pubblicare tutte le immagini che ci vorrete inviare. Ne abbiamo raccolte alcune in rete, di artisti molto bravi e che ci sono molto piaciute, ora chiediamo a voi, di fare la vostra parte. Diciamo grazie ad Agitu per il bellissimo esempio che ci ha lasciato, facciamolo con un disegno. Questo l'indirizzo per spedire i file jpeg echinogiornalebambino@gmail.com

Solo chi resta nel ricordo delle persone non muore invano!

(Immagini e foto dal web)