SI ENTRA… MA NON SI ESCE

Adatto a:

Verso l’inizio dell’estate, nel mese di giugno, alcuni ragazzi tornando a casa da scuola, videro una griglia dietro la scuola e vi si infilarono. Un corridoio scuro apparve davanti ai loro occhi… sembrava infinito.
Essendo molto stretto dovettero camminare a gattoni.
Arrivati in fondo al buco intravidero una casa abbandonata, tutta cupa e diroccata, quasi cadeva a pezzi.

Ad un certo punto sentirono delle urla dal piano di sopra e molto spaventati andarono a controllare.
Le urla si udivano sempre più vicine ed incutevano sempre più terrore.
C’erano mille porte, tutte uguali, ad un tratto il silenzio più totale… e poi lo scricchiolio di una porta. Sbirciarono dalla serratura della porta, vi si percepiva una voce cupa minacciare una persona che sembrava una ragazzina.

Ad un tratto, un grosso e massiccio uomo con in mano un pugnale e una corda aprì la porta e urlò loro di andarsene o avrebbero fatto la fine della ragazzina. I ragazzi scapparono a gambe levate.
Si aggirarono per cercare una via di uscita, poiché il buco dal quale erano entrati, era chiuso da grandi blocchi di pietra.

Mentre camminavano, uno di loro cadde in una botola e si ritrovò davanti alla sua scuola, gli altri seguirono il loro amico per raggiungerlo. Ma l’ultimo ragazzo non fece in tempo a scappare.

L’uomo lo aveva preso e lo aveva portato con sé… Chissà se tornerà?

Testo di Alice e Iris

Immagine dal web

Categoria: 
randomness