Maryam Mirzakhani

Maryam Mirzakhani è nata a Teheran nel 1977, ed è cresciuta in una famiglia dalla mentalità aperta e di ampie vedute. Nonostante la guerra fra Iran e Iraq, i suoi genitori non hanno fatto mancare nulla a lei e ai suoi tre fratelli e li hanno incoraggiati, senza alcuna distinzione tra maschi e femmine, a seguire le proprie passioni.

Da bambina Maryam trascorreva la maggior parte del tempo leggendo romanzi, e sognava di diventare una scrittrice. Alle scuole medie andava bene in quasi tutte le materie e i suoi risultati in matematica non erano eccezionali forse perchè non la ritieneva una materia abbastanza interessante. Ma a tredici anni riuscì ad accedere alla Farzanegan School, un istituto di Teheran per ragazze particolarmente dotate e fu in quegli anni che cominciò a sviluppare un interesse per la matematica. Un episodio, in particolare, le farà scoprire il fascino di questa disciplina. Uno dei suoi fratelli, appassionato di scienza, le parlò del metodo elaborato dal matematico tedesco Carl Friedrich Gauss per sommare in pochi secondi tutti i numeri da 1 a 100. “Quella è stata la prima volta”, dichiarerà in un’intervista, “in cui ho apprezzato una bella soluzione, sebbene non fossi ancora in grado di trovarla da sola”.

Sono sicuro che anche voi bambine e bambini rimarrete affascinati da questo episodio: si racconta infatti che Carl Friedrich Gauss fosse un bimbo abbastanza turbolento e che il suo maestro fu costretto a metterlo in punizione impegnandolo in un compito difficile: calcolare la somma dei primi 100 numeri. Certo di averlo messo a tacere per un po', il maestro stupefatto si vide, invece, il bimbo tornare a scorrazzare rumorosamente dopo pochi minuti. Rimproverato a dovere per non aver svolto il compito, Carl disse al suo maestro che, invece, il compito lo aveva svolto eccome: la somma dei primi 100 numeri fa esattamente 5050. Aveva avuto una intuizione geniale che gli aveva permesso di trovare la formula per fare questo calcolo in pochi secondi! (E allora non c'erano le calcolatrici...).

Ma torniamo a Maryam che, dopo studi complicatissimi in particolare sulle superfici di Riemann e la geometria dello spazio di moduli, ha ricevuto la medaglia Fields, un riconoscimento tanto importante da essere comunemente definito il "Nobel" per la matematica. Viene assegnata ogni quattro anni a un massimo di quattro candidati sotto i 40 anni di età e dal 1936, anno in cui fu istituita, nessuna donna l'ha mai vinta prima di lei.

«È come perdersi in una giungla, raccogliere tutte le conoscenze a tua disposizione e cercare di usarle per inventarti qualche trucchetto. Con un po' di fortuna, te la puoi cavare». Ecco in poche parole cos'è la matematica secondo Maryam.

Nel suo metodo di studio non c'erano grandi segreti, dice lei, ma secondo Steven Kerckhoff, suo collaboratore e professore a Stanford «ciò che la differenzia dagli altri ricercatori era la capacità di mettere insieme pezzi disparati in maniera originale».

Purtroppo Maryam Mirzakhani è morta il 15 luglio 2017, a soli 40 anni. 

Fonti: Lidi matematici (https://lidimatematici.wordpress.com/), Focus (https://www.focus.it/), Wikipedia

randomness