Il mondo dell'editoria presentato da Echino. Oggi con noi, Elisa Vincenzi

Carta d’identità Nome: Elisa Cognome: Vincenzi Età (se vuoi dirla, ma puoi anche mentire!) Sono nata nel 1974... ma mi sento ancora una ragazzina! Provenienza: Sono originaria di Mantova, e vivo a Brescia. Che bambina eri da piccola? Ero chiacchierina, curiosa, vivace, e mi dicono, anche abbastanza ubbidiente. Mi piaceva correre nei campi, arrampicarmi ovunque, cantare, leggere, scrivere e disegnare (soprattutto case e strade). Ruolo nel mondo editoriale: autrice di testi per l'infanzia Da quanti anni ne fai parte? Anche se scrivo da sempre, il mio primo racconto pubblicato da una casa editrice è del 2014. Qual è il tuo contributo? Ascolto, scrivo e condivido i miei racconti soprattutto attraverso letture animate e laboratori musicali. L'altro mio lavoro infatti riguarda la musicoterapia e i laboratori di educazione musicale con i bambini e le bambine. Ami il tuo lavoro? Moltissimo. Lo consiglieresti ad altri? Perché? Più che consigliarlo, di solito dico di seguire il cuore, perché secondo me più che di un lavoro si tratta di una vera e propria passione, che può trasformarsi in lavoro. Come in tutte le cose, servono ispirazione, motivazione ed entusiasmo, altrimenti meglio passare ad altre occupazioni. Io per esempio ho attraversato varie fasi sia da bambina, sia da grandicella, in cui mi sarebbe piaciuto fare la sarta o la fioraia. C'è un passaggio, all'interno di un testo di Wislawa Szymborska, che esprime bene questo concetto e recita: “L'ispirazione non è privilegio esclusivo di poeti o artisti in generale. Ci sono, ci sono state e sempre ci saranno persone che ricevono la sua visita. Di questo gruppo di individui fanno parte quanti hanno consapevolmente scelto la propria vocazione e svolgono il proprio lavoro con amore e immaginazione” (tratto da La prima frase è sempre la più difficile – Ed. Terre di Mezzo) Consigli pratici e filosofici per chi vorrebbe farne parte? Osservare e ascoltare la quotidianità, come se fosse ogni giorno la prima volta. Stupirsi ed emozionarsi come bambini. Inoltre consiglio di leggere tanto, studiare e restare aggiornati su quello che succede nel mondo dell'editoria. Dove ti si può trovare in rete? Ho una pagina Facebook: Elisa Vincenzi autrice. Inoltre sto finendo di rinnovare il mio sito che per il momento è offline. Spero di potervi aggiornare il prima possibile. Sei disponibile per incontri con scuole, librerie o biblioteche? Certamente, non solo in presenza, ma anche online. Come ti si può contattare? Scrivendo a elisa@suoninmovimento.it o tramite un messaggio sulla mia pagina Facebook. Rispondo sempre.

randomness