Il baule volante. Festival di letture

“Il baule volante” è un festival di letture per bambini da 0 a 10 anni e di incontri per neo genitori che si svolgerà dall’ 11 al 14 ottobre ad Altamura. Il nome, che è anche quello dell’associazione che lo ha ideato, deriva da un noto racconto di Andersen.

Il baule come contenitore di storie e l’idea del volo della fantasia e della mente che non ha confini. Il tema dunque sarà il volo e il viaggio dei libri e delle storie che ci rendono liberi.

Il festival ha il chiaro intento di promuovere l’importanza della lettura e del libro, del contatto e della musica fin da primi anni di vita dei nostri bambini nello spirito del progetto "Nati per leggere".

Il baule volante
Hans Christian Andersen Andersen

Il baule volante
C'era una volta un commerciante, così ricco che avrebbe potuto ricoprire tutta la strada principale e anche un vicolino laterale di monete d'argento, ma naturalmente non lo fece: sapeva come usare il suo denaro; se dava uno scellino, otteneva un tallero; era proprio un commerciante e come tale morì.
Il figlio ereditò tutti i suoi soldi e visse spensierato, andava alle feste ogni notte, costruiva aquiloni con le banconote e lanciava monete d'oro sul lago per farle rimbalzare invece di usare le pietre, perché naturalmente i soldi saltavano meglio; alla fine non gli restarono che quattro scellini, non aveva vestiti al di fuori di un paio di pantofole e una vecchia vestaglia. Ai suoi amici non importò più nulla di lui, dato che non potevano più uscire insieme per le strade; solo uno di loro, che era buono, gli mandò un vecchio baule e gli disse: «Fai i bagagli!». Facile a dirsi! ma egli non aveva nulla con cui fare i bagagli, così si mise lui stesso nel baule.
Era un baule strano. Non appena si premeva la serratura, il baule si sollevava e volava; e infatti si mise a volare attraverso il camino in alto sopra le nuvole, sempre più lontano. Il fondo scricchiolava, e lui temeva che si rompesse, in quel caso avrebbe proprio fatto un bel volo! Il Signore ci protegga! e così arrivò nella terra dei turchi. Nascose il baule nel bosco sotto le foglie secche e se ne andò in città; lì lo poteva fare, perché in Turchia andavano in giro tutti, come lui, con la vestaglia e le pantofole. Così incontrò una balia con un bambinetto. «Ascolta, balia turca!» disse «che cos'è quel grande castello vicino alla città, che ha le finestre così alte?»
Per leggere tutta la storia vi invitiamo a seguire questo link https://www.andersenstories.com/it/andersen_fiabe/il_baule_volante

randomness