Diritto alla casa e alla famiglia

Il diritto alla casa e alla famiglia per tutti i bambini e le bambine è sancito dall'articolo 27 e da diversi altri articoli della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia che fu approvata il 20 novembre 1989.

L’art. 27, difatti, enuclea quali sono le azioni che tutti gli Stati firmatari della Convenzione si impegnano a compiere al fine di garantire il godimento del diritto alla casa, all'alimentazione, al vestiario. In breve l'articolo dice che ogni bambina e bambino ha diritto ad un livello di vita adeguato. Ciò significa che i genitori, o in mancanza lo Stato, dovranno garantirgli cibo, vestiti e una casa in cui vivere.

L'articolo 5 ribadisce che ogni bambina e ogni bambino ha diritto a essere educato e aiutato e consigliato dai genitori o in loro mancanza da membri della famiglia o da un tutore. Insomma nessuna bambina o nessun bambino deve essere lasciato solo.

L'art. 11 parla del diritto di ogni bambino a essere protetto per evitare di essere allontanato dalla famiglia e trasferito illegalmente all’estero. Esistono accordi fra Stati proprio per evitare i trasferimenti illegali, molto spesso compiuti proprio da uno dei due genitori che, così facendo, prova ad estromettere l'altro/a dalla vita del bambino. Dirlo è triste, ma spesso bisogna proteggere i bambini anche dai loro genitori biologici e trovare per loro nuove famiglie.

L'art.16 recita così: "Nessun fanciullo sarà oggetto di interferenze arbitrarie o illegali nella sua vita privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza, e neppure di affronti illegali al suo onore e alla sua reputazione." Insomma anche i bambini e le bambine hanno diritto ad avere una vita privata, anche all’interno della propria famiglia, ed una corrispondenza privata. Potrebbe sembrare un articolo meno importante rispetto ad altri, eppure se ci riflettiamo ci rendiamo conto di quanto sia poco applicato, soprattutto in famiglia! Quindi è giusto che lo ricordino anche mamme e papà che a volte vanno a sbirciare nei cassetti per leggere diari segreti o cercare indizi vari sulla vita privata. O, quando i figli sono più grandicelli, sui telefonini.

Ricordiamo che Echino è anche di carta. A questo link si può acquistare e ricevere a casa il pacchetto di pubblicazioni.

Donatella Caione

randomness