Ma come si possono mandare in onda certi servizi al TG? Io ne ho piene le scatole, voi no?

Ho sempre pensato che il giornalismo fosse una professione tra le più belle, i giornalisti persone serie, preparate, intellettualmente oneste, ma più passa il tempo e più mi accorgo che non è affatto così e che molti tra loro sono semplici scribacchini. Ieri sera, mi sono girate a mille le matite ascoltando il TG delle 20.00 non ricordo nemmeno su quale canale TV, credo si trattasse di mamma RAI, ma non ci metto la mano sul fuoco. Parlavano del delitto di Yara Gambirasio ed il servizio era strabordante di particolari sulla sua morte, l'agonia e tutto il resto. Ora, io non credo che la precisione richiesta nel dare una notizia di cronaca significhi questo: raccontare con dovizia di particolari macabri, persino a distanza di anni, la fine della vita di una ragazzina. Come lettore e come ascoltatore io, lo dico a chiare lettere, non ne posso proprio più! Non voglio ascoltare notizie raccontate in questo modo, tanto più in un orario in cui all'ascolto può esserci chiunque. Credo anche che a Chiara dovrebbe essere concessa almeno la pietà di un silenzioso rispettoso per le utlime ore della sua vita e se non ce ne frega nulla di chi se n'è andato, sarebbe utile farlo per i suoi genitori, i suoi fratelli e sorelle. Un conto è l'udienza in tribunale, dove giustamente si devono riportare tutti i dettagli utili al processo, altro conto è entrare nelle case di ognuno di noi con un resoconto del genere.

Aggiungi un commento

randomness