Le Streghe della Valle Antigorio

Decisamente una bella festa quella che si tiene l’ultimo fine settimana di luglio in Valle Antigorio, nel piccolo borgo di Croveo di Baceno.

La festa de Le Streghe della Valle Antigorio è dedicata alle donne che vissero in questo contesto alpino tra il XV e il XVII secolo e che furono accusate di stregoneria in quello che venne chiamato il Maxi processo di Croveo e Baceno. Molti gli eventi che anche quest’anno, così come quello scorso, hanno portato cultura, emozione e divertimento agli ospiti presenti. Raddoppiate, rispetto alla prima edizione, le presenze al Convegno Storico Internazionale e alle varie conferenze che si sono susseguite nei tre giorni di festa, intervallate da spettacoli teatrali e musicali e da laboratori per grandi e piccini.

L’intera comunità di Croveo si è impegnata a fondo per la buona riuscita della festa, abitanti locali e villeggianti hanno curato nei minimi particolari l’antico borgo, che molte persone stanno scoprendo o riscoprendo proprio grazie a questo evento.

Passeggiando tra le vie in mezzo a mercatini di artigianato e dell’antiquariato, si è potuto assistere alla bughià, cioè il lavaggio delle lenzuola così come lo facevano le nostre nonne, utilizzando la lisciva, una specie di sapone ottenuto dalla bollitura della cenere nella bogia, un grosso mastello in rame. Oppure alla dimostrazione della tintura della lana, utilizzando erbe quali edera, equiseto, mallo di noce, foglie di zucca, barbabietola da zucchero, tenute in macerazione per un’ora in acqua bollente dentro la quale si fa poi ribollire la lana, ancora per circa un’ora. Donne e uomini di tutte le età e anche bambini e bambine si sono dati da fare per mostrare agli interessati visitatori gli antichi mestieri quali la cardatura della lana, la filatura, o per accompagnare alla visita del Museo del Cappellano o dell’antica latteria.

C’era veramente l’imbarazzo della scelta tra mostre di pittura con opere di Elisa Squillace (la mia illustratrice nota di Echino) e di Michele Scaciga, o mostre fotografiche come quella allestita da Michele Romagnoli, villeggiante appassionato dell’architettura locale. E poi passeggiate con le streghe e letture dei racconti della prima e della seconda edizione del concorso letterario Le Streghe della Valle Antigorio con la brava Carla De Chiara, attrice che ha incantato grandi e piccini.

Storia, cultura, folclore e divertimento, questi gli ingredienti che caratterizzano l’evento di Croveo che ha il merito di voler far conoscere e riscoprire un territorio e la sua gente presente e passata, non tutti sanno ancora che la vita di molte persone della Valle Antigorio fu funestata dalle conseguenze della caccia alle streghe che ebbe luogo tra il 1570 e il 1620, è storia locale e per conoscerla non resta che visitare il piccolo borgo e affidarsi alla lettura dei totem.