Il carro funebre più strano del mondo

Una mattina come tante, in classe, si parlava dei tanti modi utilizzabili per scrivere un testo, dal classico "c'era una volta" per la fiaba, ai vari trucchi usati dagli scrittori: flashback, iniziare dalla fine... gli input sono stati diversi e diversi gli apporti che sono stati poi valutati da loro per decidere cosa fosse più intrigante e cosa meno. Ed è venuto fuori questo racconto:

Perché mai c’era un carro funebre giallo, con la musica sparata al massimo, guidato da un uomo tutto vestito di nero, che girava intorno al cimitero?

Era accaduto che…

Una domenica un bambino era andato al cimitero per trovare il nonno e aveva notato lo strambo carro funebre.

Il bambino rimase a bocca aperta, stranito dalla scena che aveva davanti agli occhi.

Il bambino cominciò a farsi delle domande.

Decise di scappare.

Tornò casa e raccontò l’accaduto ai suoi genitori.

Loro non ci credettero e lui gridò per convincerli ma non ci credettero lo stesso.

Siccome abitavano vicino al cimitero, il bambino pensò di scattare una foto e farla vedere alla mamma.

La mamma avvisò anche altre persone e, insieme, decisero di andare a controllare.

L’eccentrico autista spiegò che portava nel carro suo zio, il quale aveva desiderato di essere ricordato con allegria.

di Luisa Staffieri